Sezioni

Escursionismo

  

Affiliata F.I.E. Federazione italiana escursionismo

Codice società 22007

CARICHE SEZIONALI
PRESIDENTE: Ercole Passera

COORDINATORE SEZIONALE: Flaviano Pivotto

CONTATTI SEZIONALI
 Flaviano Pivotto 328 214 2651
 Ercole Passera 339 829 7601

 sede@pietromicca.it 

ATTIVITA'

marcia alpina di regolarità



LA MARCIA ALPINA DI REGOLARITA’
 
La F.I.E., continuando la sua presenza nel mondo dell’escursionismo classico, opera anche come ente di propaganda sportiva promuovendo gare di marcia alpina di regolarità. Uno sport per tutti dove tanto i giovani, quanto gli adulti hanno la possibilità di confrontarsi sui medesimi percorsi seppure con categorie diverse e con classifiche separate. La lunghezza complessiva di una gara varia secondo le categorie e le specialità: 13 Km nelle gare individuali, 16 o 18 Km nelle gare a coppie e a pattuglie di 3 elementi.
La gara, con partenza ed arrivo possibilmente nella stessa località, è suddivisa in settori – da un minimo di 3 ad un massimo di 6 – da percorrere ad una velocità compresa tra i 2,5 ed i 7 Km/h. E’ importante per chi predispone il percorso sapere individuare le medie più idonee per ogni settore, avendo l’accorgimento di verificarle simulando la gara. Sulla base delle lunghezze misurate e delle medie attribuite sono calcolati i tempi teorici di ciascun settore. Al momento del via al concorrente viene consegnata una “tabellina” con le indicazione dell’ora di partenza e delle medie orarie che dovrà mantenere nei singoli settori della gara.Sul percorso, al termine di ogni settore incontrerà un controllo cronometrico che annoterà sulla tabellina l’orario del passaggio. Scopo della gara è riuscire a percorrere i vari settori nel tempo reale più prossimo al tempo teorico; per ogni secondo di anticipo o ritardo in ogni settore sarà assegnato un punto di penalità. Al termine della gara saranno esposti i tempi teorici di ogni settore così che ogni concorrente possa eseguire il conteggio delle proprie penalità. La classifica finale è determinata dal minor valore nella somma delle penalità conseguite sull’intero percorso. Come può un concorrente camminare mantenendo la velocità assegnata ? Non essendo possibile l’uso di supporti tecnici per la misurazione del passo, ma solo l’utilizzo di un cronometro, ogni concorrente deve saper controllare la lunghezza del proprio passo su ogni tipo di terreno e per far questo ha una tabella personale, generalmente in “passi al minuto” che gli permette di marciare rispettando la media oraria assegnata. Va da sé che oltre ad un normale allenamento fisico è fondamentale saper individuare la lunghezza del proprio passo, nella misura che viene più naturale alle diverse medie orarie. Elemento originale di questa disciplina è che permette a tutti i concorrenti di risultare alla fine vincitore della gara.